venerdì, 21 settembre 2018

Uso fraudolento Postepay: come ottenere il rimborso dalle Poste

19 ottobre 2017 | La Sentinella | Reply More

Prelievi fraudolenti dalla carta Postepay, l’ipotesi, tutt’altra che infrequente, specie nell’era dell’e-commerce, non è espressamente contemplata dalle Poste.

L’organo emittente, infatti, non prevede alcuna assicurazione riguardo l’uso fraudolento della stessa limitandosi a valutare caso per caso la possibilità del rimborso di quanti indebitamente prelevato.

Ciò ovviamente non esclude la possibilità da parte del danneggiato di agire in giudizio per ottenere quanto ad egli spettante.

La prima cosa da fare, una volta scoperto il furto è quello di bloccare la carta presso poste Italiane e presentare denuncia ai carabinieri.

Il passo successivo consisterà, invece, nell’inviare all’organo emittente una formale lettera di diffida con contestuale richiesta di restituzione dell’indebito.

Poste Italiane deve rispondere entro trenta giorni lavorativi.

Se passato questo termine Poste Italiane non ha dato una risposta o non è stata soddisfacente, ci si può rivolgere all’Arbitro Bancario Finanziario.

Quest’ultimo emetterà una pronuncia, non vincolante per le parti in quanto non costituente titolo esecutivo, ma prodromica per l’eventuale citazione in giudizio da parte del danneggiato.

Problemi con Poste italiane? Clicca qui



Guide

E’ entrato in vigore lo scorso 14 luglio ma fin dal suo esordio il cosiddetto
Addio all’atto di citazione. E’ questa la riforma del processo civile annunciata per l’autunno dal
In caso di condanna ex art. 2087 c.c. è diritto del datore di lavoro rivalersi
Saranno obbligatori dal 31 marzo i corsi di formazione per l’accesso alla professione forense. E’

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.