venerdì, 15 gennaio 2021

Tour de France. Rogers fa il colpaccio, Nibali controlla

Il corridore della Sax precede di 9” un gruppetto regolato da Voeckler su Kiriyenka - Serpa e Gautier

22 Luglio 2014 | La Sentinella | Reply More
La Sentinella

Michael Rogers

Michael Rogers vince il primo tappone Pirenaico del Tour de France numero 101, da Carcassonne a Bagneres-de-Luchon; 237,5 km con 5 Gpm e la discesa del Colle di Portet-d’Aspet dove perse la vita nel 1995 l’azzurro Fabio Casartelli.

Il corridore della Saxò sferra l’attacco decisivo a – 4 km dal traguardo ed arriva solitario sul traguardo dopo 6h07’10” di corsa, precedendo di 9” un gruppetto regolato da Voeckler su Kiriyenka, Serpa e Gautier.

La frazione, peraltro la più lunga di questa Grand Boucle, è caratterizzata dalla fuga di ventuno uomini partiti dopo diversi tentativi ad inizio tappa, tra questi:  Michal Kwiatkowski (OPQS), Tom-Jelte Slagter (Garmin), José Serpa (Lampre), Jérémy Roy (FDJ), Tony Gallopin (Lotto) ex maglia gialla, Thomas Voeckler (Europcar) e Michael Rogers (Tinkoff.Saxo).

Sull’ultima salita l’australiano con Serpa segue l’attacco di Voeckler, a loro si accodano in discesa  Gautier e Kiriyenka, ma a pochi km dal traguardo Rogers allunga e se ne va da solo, da vero cronoman, andando a trionfare nella prima impegnativa tappa pirenaica del Tour dopo la straordinaria impresa al Giro sullo Zoncolan.

L’Astana di Nibali dal canto suo, lascia scappare la fuga di giornata, senza avversari pericolosi per il primato, con lo squalo che controlla e chiude al 20° posto a 8’32”dal vincitore di giornata ma mantiene i 4’37” di vantaggio su Alejandro Valverde. Cede invece 1’50” il francese Romain Bardet, maglia bianca, che molla il terzo posto al connazionale Thibaut Pinot. Crisi anche per Van Garderen, che chiude a 12’08”.

Ordine d’arrivo della sedicesima tappa: Michael Rogers (Aus, Tinkoff-Saxo), 237,5 km in 6h07’10”; 2. Voeckler (Fra) a 9”; 3. Kiriyenka (Bie); 4. Serpa (Col); 5. Gautier (Fra); 6. Van Avermaet (Bel) a 13”; 7. Kwiatkowski (Pol) a 36”; 8. Montaguti a 50”; 9. Slagter (Ola) a 2’11”; 10. Gallopin (Fra); 17. Pinot (Fra) a 8’32”; 18. Valverde (Spa); 19. Peraud (Fra); 20. Nibali; 30. Bardet (Fra) a 10’22”; 33. Mollema (Ola) a 11’32”; 37. Van Garderen (Usa) a 12’08”.

Cambia la classifica generale alle spalle dello squalo: Vincenzo Nibali (Astana); 2. Valverde (Spa) a 4’37”; 3. Pinot (Fra) a 5’06”; 4. Peraud (Fra) a 6’08”; 5. Bardet (Fra) a 6’40”; 6. Van Garderen (Usa) a 9’25”; 7. Koenig (Cec) a 9’32”; 8. Ten Dam (Ola) a 11’12”; 9. Kwiatkowski (Pol) a 11’28”; 10. Mollema (Ola) a 11’33”.

Gianluigi Improta



Ciclismo

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.