domenica, 17 dicembre 2017

Totò Riina è morto, addio al “capo dei capi”

Arrestato il 15 gennaio del 1993 dopo 24 anni di latitanza, era ancora considerato dagli inquirenti il capo indiscusso di Cosa nostra

17 novembre 2017 | La Sentinella | Reply More

Totò Riina

Totò Riina, non c’è più. Il capo dei capi è morto questa notte alle 3:37, fatali gli sono stati gli ultimi due interventi e cinque giorni di coma. Aveva 87 anni compiuti proprio ieri.  

Arrestato il 15 gennaio del 1993 dopo 24 anni di latitanza, era ancora considerato dagli inquirenti il capo indiscusso di Cosa nostra.

L’ultimo augurio era giunto via facebook dal figlio Salvo il terzo dei quattro figli avuti dal boss con la moglie Ninetta Bagarella.“

Per me tu non sei Totò Riina, sei il mio papà. E in questo giorno per me triste ma importante ti auguro buon compleanno papà. Ti voglio bene, tuo Salvo”

Riina, rinchiuso al 41 bis, condannato a 26 ergastoli, aveva avuto come ultimo beneficio il permesso di farsi assistere al capezzale dalla moglie e dai figli.

La prima condanna del boss avviene a 18 anni colpevole di aver ucciso un coetaneo durante una rissa: condannato a 12 anni di prigione.

La sua entrata in Cosa Nostra avvenne ad opera di Luciano Liggio, che lo arruola nel suo gruppo di fuoco appena uscito di prigione.

Nel dicembre 1963, viene fermato nuovamente dai carabinieri di Agrigento: ha con sé una carta d’identità rubata e una pistola. Torna in carcere all’Ucciardone ma viene scarcerato per insufficienza di prove nel 1969.

Da allora inizia la sua lunga latitanza, durata oltre 20 anni e costellata di delitti eccellenti.

La prima condanna all’ergastolo avvenne in contumacia durante il “maxiprocesso” voluto da Giovanni Falcone. Determinanti per la condanna furono le dichiarazioni del primo pentito eccellente di Cosa Nostra, Tommaso Buscetta.

La cattura avviene il 15 gennaio del 1993, a Palermo.



Attualità

[caption id="attachment_15654" align="alignleft" width="300"] Totò Riina[/caption] “E’ morto il maestro ma la musica esiste” non
[caption id="attachment_14822" align="alignleft" width="300"] Totò Riina[/caption] Il "diritto a morire dignitosamente" va assicurato ad ogni
Fino a sei mesi di sospensione dal lavoro e dallo stipendio e in caso di
[caption id="attachment_15714" align="alignleft" width="300"] La sede della Corte di Giustizia europea[/caption] La registrazione su Cloud
“La notificazione del ricorso instaurativo del processo amministrativo può avvenire per posta elettronica certificata (PEC),

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.