domenica, 17 dicembre 2017

Telefonia. Abolito il roaming: telefonare in giro per l’Europa costerà come da casa

Il nuovo regolamento di costi verrà applicato in tutti i 28 Stati membri, compresa la Gran Bretagna; si aggiungono alla lista anche Norvegia, Islanda e Liechtenstein

19 giugno 2017 | La Sentinella | Reply More

Roaming addio. A partire dallo scorso 15 giugno infatti è scattata in Europa la tanto agognata rivoluzione: telefonare, inviare sms o mms fuori da casa avrà lo stesso costo dell’operazione da casa.

Il nuovo regolamento di costi verrà applicato in tutti i 28 Stati membri, compresa la Gran Bretagna. Si aggiungono alla lista anche Norvegia, Islanda e Liechtenstein.

Ma i costi del roaming non posso ancora definirsi un lontano ricordo. Il Regolamento prevede due scenari con i quali sarebbe consentito agli operatori di addebitare dei costi per il roaming:

se il modello tariffario di un operatore venisse intaccato dall‘abolizione delle tariffe di roaming, questo può ottenere dall’Autorità di Regolamentazione nazionale il permesso di riscuotere tariffe di roaming in determinate circostanze particolari. 

Ancora, qualora l’utente dovesse infrangere la cosiddetta clausola di “fair use” durante il periodo di osservazione di quattro mesi previsto dal Regolamento stesso e non considerare l’avviso dell’operatore, il gestore può addebitare dei sovrapprezzi.

La clausola prevede per i primi quattro mesi di applicazione che l’utente non possa trascorrere più tempo all’estero rispetto al proprio paese di origine né tanto meno utilizzare il proprio apparecchio in misura maggiore all’estero.

Tuttavia per dimostrare di non contravvenire alle regole basterà effettuare anche una sola connessione dati al giorno presso il proprio paese di origine.

Sono esclusi dalla clausola coloro che risiedono prevalentemente all’estero per motivi di lavoro o di studio.

Anche in merito ai sovrapprezzi in caso di violazione della clausola di corretto utilizzo c’è molta confusione e poca trasparenza.



Attualità

Il biotestamento è finalmente legge, il Senato ha approvato nei giorni scorsi il testo che
Il biotestamento è legge; il Senato ha dato il via libera alla legge il 14
Ogni documento informatico può essere firmato digitalmente per mezzo della cosiddetta firma digitale. Essa rappresenta
Rigurgiti fascisti investono il bel Paese turbando il sonno delle anime belle di una sinistra
Il reato di stalking non è più considerato un reato “cancellabile” mediante l’istituto della riparazione

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.