lunedì, 20 novembre 2017

Tar Campania. Sospeso il bando della gara d’appalto per il trasporto in autoambulanza Asl Napoli 3 Sud

La gara per un valore di circa 6 mln di euro, prevedeva come requisiti indispensabili per la partecipazione la messa a disposizione di veicoli non più vecchi di due anni e con almeno 170 cavalli fiscali

22 giugno 2017 | La Sentinella | Reply More

Automezzi con non più di due anni di immatricolazione e con almeno 170 cavalli fiscali.

Erano queste le condizioni capestro contenute nel bando della gara d’appalto indetto dalla Asl Napoli 3 Sud per il trasporto degli infermi in autoambulanza e che ha visto la sospensione del medesimo con ordinanza n 895/17 del TAR Campania.

Il valore dell’appalto era di circa 6 mln di euro.

Il provvedimento è stato emanato a seguito del ricorso presentato da una delle società partecipanti alla gara.  

“Il prezzo posto a base d’asta – pari a € 2.880.000,00 per ogni lotto per il biennio d’affidamento – spiega il legale che difendeva la ricorrente – era del tutto inadeguato rispetto alle prestazioni richieste”.

Il motivo è presto detto.

Il trasporto secondo il bando doveva essere garantito in 20 postazioni presenti su tutto il territorio provinciale.

Ancora, l’equipaggiamento doveva essere formato: da un’ambulanza con le caratteristiche tecniche di cui sopra;  da un autista – soccorritore e da un infermiere professionale.

“Ebbene – continua l’avvocato – applicando il CCNL previsto dall’AIOP il costo lordo aziendale per la figura di ‘un’autista soccorritore’ inquadrato con livello B1 è di € 2.005,45. E’ facile dedurre quindi come il totale del solo costo del personale è di circa € 20.185,65 al mese, dunque, quasi il doppio di quello preventivato dal bando in spregio a qualsiasi norma di logica e buon senso!”.

Dello stesso avviso anche i giudici che hanno censurato il bando accogliendo l’istanza cautelare e sospendendo l’efficacia dello stesso: “Il prezzo posto dalla stazione appaltante a base di gara non appare prima facie compatibile con il costo del personale da adibire a ogni autombulanza e, conseguentemente, non consente la formulazione di un’offerta congrua e la previsione di un apprezzabile utile di impresa”.

Ugualmente inadeguate poi anche le specifiche richieste per gli automezzi.

Esse infatti secondo il giudicante “Appaiono eccessivamente e irragionevolmente restrittive della concorrenza; le caratteristiche tecniche possono rilevare in ordine alla valutazione della offerta tecnica, ma non possono costituire motivo della automatica esclusione dalla gara degli operatori economici in possesso di ambulanze pur idonee alla gestione del servizio”.



DIRITTO AMMINISTRATIVO

[caption id="attachment_15654" align="alignleft" width="300"] Totò Riina[/caption] “E’ morto il maestro ma la musica esiste” non
I possessori di contrassegno invalidi di cui all’art. 12 d.P.R./96 hanno diritto a transitare all’interno
Un piano in sette punti e 300 milioni di risorse, è questa la proposta del
Giunti alla fine della creazione della busta telematica su SLpct al fine del deposito di
Un autovelox in grado di rilevare qualsiasi tipo di infrazione di chi è alla guida.

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.