venerdì, 20 settembre 2019

Sinistri causati da veicoli privi di RC. Tutti i casi in cui spetta il risarcimento

29 Agosto 2019 | La Sentinella | Reply More

Sinistro con auto priva di copertura assicurativa, una disavventura che può capitare molto più spesso di quanto si pensi.

Negli ultimi anni, infatti, sono in aumento i veicoli in circolazione privi della necessaria copertura assicurativa ma cosa succede se causano un incidente con danni a persone o cose?

Il caso è disciplinato dall’art. 283 del Codice delle Assicurazioni Private (Decreto Legislativo 7 Settembre 2005, n 209) che chiarisce come a risarcire i danni causati dalla circolazione di veicoli privi di assicurazione sia il Fondo di Garanzia per le vittime per la strada istituito presso la Consap.

In concreto il risarcimento verrà irrogato dalle Imprese assicuratrici individuate in precedenza dalla Consap su base interregionale.

Successivamente, quest’ultime, potranno, poi, a loro volta, rivalersi sul soggetto privo di copertura assicurativa e responsabile del sinistro.

Al riguardo è d’uopo distinguere sei distinte ipotesi così come disciplinate dalla normativa appena richiamata:

1) Il sinistro è stato cagionato da veicolo o natante non identificato

2) Il veicolo o natante non risulta coperto da assicurazione

3) Il veicolo o natante risulta essere assicurato presso un’impresa in stato di liquidazione coatta

4) Il veicolo è stato posto in circolazione contro la volontà del proprietario, dell’usufruttuario, dell’acquirente con patto di riservato dominio o del locatario in caso di locazione finanziaria

5) Il veicolo sia stato spedito nel territorio della Repubblica italiana da uno Stato di cui all’art. 1, comma 1, lettera bbb – Codice delle Assicurazioni Private (Decreto Legislativo 7 Settembre 2005, n 209) e nel periodo indicato all’art. 1 comma 1 lettera fff), numero 4-bis – Codice delle Assicurazioni Private (Decreto Legislativo 7 Settembre 2005, n 209), lo stesso risulti coinvolto in un sinistro e sia privo di assicurazione.

6) Il sinistro sia cagionato da un veicolo estero con targa non corrispondente o non più corrispondente allo stesso veicolo

Le differenziazioni di cui sopra rilevano ai fini della liquidazione e quantificazione del danno subito dal danneggiato.

Sinistro cagionato da veicolo o natante non identificato.

In questo caso il risarcimento è dovuto solo per i danni alla persona.

Nel caso poi di danni gravi alla persona il risarcimento è dovuto anche per i danni alle cose il cui ammontare però sia superiore ad euro 500,00 e per la parte eccedente tale somma.

Sinistro cagionato da veicolo o natante identificato ma privo di copertura assicurativa

Il risarcimento è dovuto sia per i danni alla persona che alle cose.

Sinistro cagionato da veicolo o natante assicurato presso un’impresa in stato di liquidazione coatta

Il risarcimento è dovuto sia per i danni alla persona che alle cose.

Sinistro cagionato da veicolo posto in circolazione contro la volontà del proprietario, dell’usufruttuario, dell’acquirente con patto di riservato dominio o del locatario in caso di locazione finanziaria

Il risarcimento è dovuto, limitatamente ai terzi non trasportati e a coloro che sono trasportati contro la propria volontà ovvero che sono inconsapevoli della circolazione illegale, sia per i danni alla persona sia per i danni a cose.

Sinistro cagionato da veicolo spedito nel territorio della Repubblica italiana da uno Stato di cui all’art. 1, comma 1, lettera bbb – Codice delle Assicurazioni Private (Decreto Legislativo 7 Settembre 2005, n 209) e nel periodo indicato all’art. 1 comma 1 lettera fff), numero 4-bis – Codice delle Assicurazioni Private (Decreto Legislativo 7 Settembre 2005, n 209), lo stesso risulti coinvolto in un sinistro e sia privo di assicurazione.

Il risarcimento è dovuto sia per i danni alla persona che alle cose.

Sinistro cagionato da un veicolo estero con targa non corrispondente o non più corrispondente allo stesso veicolo.

Il risarcimento è dovuto sia per i danni alla persona che alle cose.

Una volta individuata la fattispecie applicabile al caso concreto la procedura da seguire prevede:

 – Richiesta verifica copertura assicurativa al Centro di informazione Copertura sinistri RC auto della Consap

– Invio richiesta risarcimento danni da inoltrare all’impresa assicurativa individuata dal Fondo e per conoscenza alla Consap

La compagnia assicurativa, ricevuta la richiesta, ha a sua volta diverse tempistiche da rispettare a seconda della fattispecie specifica individuata.

  • Sinistro causato da veicolo o natante non identificato 

60 giorni dalla richiesta

  • Sinistro causato da veicolo o natante non risulta coperto da assicurazione

60 giorni dalla richiesta

  • Sinistro causato da veicolo o natante risulta essere assicurato presso un’impresa in stato di liquidazione coatta

90 giorni dalla richiesta

  • Sinistro causato da veicolo posto in circolazione contro la volontà del proprietario, dell’usufruttuario, dell’acquirente con patto di riservato dominio o del locatario in caso di locazione finanziaria

60 giorni dalla richiesta

  • Sinistro causato da veicolo spedito nel territorio della Repubblica italiana da uno Stato di cui all’art. 1, comma 1, lettera bbb – Codice delle Assicurazioni Private (Decreto Legislativo 7 Settembre 2005, n 209) e nel periodo indicato all’art. 1 comma 1 lettera fff), numero 4-bis – Codice delle Assicurazioni Private (Decreto Legislativo 7 Settembre 2005, n 209), lo stesso risulti coinvolto in un sinistro e sia privo di assicurazione.

60 giorni dalla richiesta

  • Sinistro causato da un veicolo estero con targa non corrispondente o non più corrispondente allo stesso veicolo

60 giorni dalla richiesta

Trascorsi inutilmente il lasso di tempo sopraindicato l’istante dovrà procedere obbligatoriamente a proporre la negoziazione assistita sia nei confronti dell’impresa assicuratrice individuata dal Fondo che nei confronti del proprietario del veicolo.

Se neanche in questa sede si riesce a trovare un accordo è possibile avviare il giudizio mediante atto di citazione.

Anche in questo caso variano i soggetti coinvolti a seconda della fattispecie trattata.

Sinistro causato da veicolo o natante non coperto da assicurazione

Danneggiato (attore)

Impresa assicuratrice individuata dal Fondo (convenuta)

Proprietario del veicolo non assicurato (convenuto)

Sinistro causato da veicolo o natante assicurato presso un’impresa in stato di liquidazione coatta

Danneggiato (attore)

Impresa assicuratrice individuata dal Fondo (convenuta)

Commissario liquidatore dell’impresa di assicurazione (convenuto)

Sinistro causato da veicolo spedito nel territorio della Repubblica italiana da uno Stato di cui all’art. 1, comma 1, lettera bbb – Codice delle Assicurazioni Private (Decreto Legislativo 7 Settembre 2005, n 209) e nel periodo indicato all’art. 1 comma 1 lettera fff), numero 4-bis – Codice delle Assicurazioni Private (Decreto Legislativo 7 Settembre 2005, n 209), lo stesso risulti coinvolto in un sinistro e sia privo di assicurazione.

Danneggiato (attore)

Impresa assicuratrice individuata dal Fondo (convenuta)

Proprietario del veicolo non assicurato (convenuto)

Sinistro causato da un veicolo estero con targa non corrispondente o non più corrispondente allo stesso veicolo

Danneggiato (attore)

Impresa assicuratrice individuata dal Fondo (convenuta)

Proprietario del veicolo non assicurato (convenuto)

I termini di prescrizione per proporre l’azione variano a seconda delle fattispecie:

Sinistro cagionato da veicolo o natante non identificato

Due anni dal sinistro

Sinistro cagionato da veicolo o natante non risulta coperto da assicurazione

Due anni dal sinistro

Sinistro cagionato da veicolo o natante risulta essere assicurato presso un’impresa in stato di liquidazione coatta

L’azione è proponibile fino a che non sia prescritta l’azione nei confronti dell’impresa posta in liquidazione coatta

Sinistro cagionato da veicolo posto in circolazione contro la volontà del proprietario, dell’usufruttuario, dell’acquirente con patto di riservato dominio o del locatario in caso di locazione finanziaria

Due anni dal sinistro

Sinistro cagionato da veicolo spedito nel territorio della Repubblica italiana da uno Stato di cui all’art. 1, comma 1, lettera bbb – Codice delle Assicurazioni Private (Decreto Legislativo 7 Settembre 2005, n 209) e nel periodo indicato all’art. 1 comma 1 lettera fff), numero 4-bis – Codice delle Assicurazioni Private (Decreto Legislativo 7 Settembre 2005, n 209), lo stesso risulti coinvolto in un sinistro e sia privo di assicurazione.

Due anni dal sinistro

Sinistro cagionato da un veicolo estero con targa non corrispondente o non più corrispondente allo stesso veicolo

Due anni dal sinistro



Guide

Giro di vite sui controlli atti a prevenire l’evasione fiscale. DeA partire dal 1 settembre
La pubblicazione di una foto di una nave italiana in aggiunta a frasi offensive per
In caso di opposizione a cartella esattoriale concernente la mancata notifica del verbale di contestazione
Addio all’atto di citazione. E’ questa la riforma del processo civile annunciata per l’autunno dal
In caso di condanna ex art. 2087 c.c. è diritto del datore di lavoro rivalersi

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.