domenica, 22 aprile 2018

Scrive “squola” con la “q”: insegnante licenziata dal Ministero dell’Istruzione

A nulla è valso il ricorso presentato dalla donna al giudice del lavoro

2 febbraio 2018 | La Sentinella | Reply More

Era solita scrivere “squola” con la “q” piuttosto che sciacquone senza “c”.

Nulla di particolarmente allarmante se non fosse per il ruolo ricoperto; trattasi infatti di un insegnante del veneziano regolarmente assunta in servizio.

E’ stata licenziata in tronco dal Ministero dell’Istruzione per “asserita incapacità” all’insegnamento.

A nulla è servito il ricorso presentato dalla donna al giudice del lavoro che ha respinto le doglianze della donna, per il Giudice del lavoro infatti il provvedimento con cui la donna è stata dispensata dall’insegnamento è legittimo.

Respinta anche la domanda avanzata dalla ricorrente di essere assegnata ad altre mansioni o trasferita in altro istituto.



Attualità

In caso di condanna ex art. 2087 c.c. è diritto del datore di lavoro rivalersi
Saranno obbligatori dal 31 marzo i corsi di formazione per l’accesso alla professione forense. E’
Continuare a mantenere alta l’attenzione sullo scorrimento totale della graduatoria del concorso per Assistenti giudiziari
Rubare cibo, anche di modesto valore economico, è reato. E’ quanto sancito dalla Corte di

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.