lunedì, 20 agosto 2018

Scrive “squola” con la “q”: insegnante licenziata dal Ministero dell’Istruzione

A nulla è valso il ricorso presentato dalla donna al giudice del lavoro

2 febbraio 2018 | La Sentinella | Reply More

Era solita scrivere “squola” con la “q” piuttosto che sciacquone senza “c”.

Nulla di particolarmente allarmante se non fosse per il ruolo ricoperto; trattasi infatti di un insegnante del veneziano regolarmente assunta in servizio.

E’ stata licenziata in tronco dal Ministero dell’Istruzione per “asserita incapacità” all’insegnamento.

A nulla è servito il ricorso presentato dalla donna al giudice del lavoro che ha respinto le doglianze della donna, per il Giudice del lavoro infatti il provvedimento con cui la donna è stata dispensata dall’insegnamento è legittimo.

Respinta anche la domanda avanzata dalla ricorrente di essere assegnata ad altre mansioni o trasferita in altro istituto.



Attualità

E’ entrato in vigore lo scorso 14 luglio ma fin dal suo esordio il cosiddetto
Addio all’atto di citazione. E’ questa la riforma del processo civile annunciata per l’autunno dal
In caso di condanna ex art. 2087 c.c. è diritto del datore di lavoro rivalersi
Saranno obbligatori dal 31 marzo i corsi di formazione per l’accesso alla professione forense. E’

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.