sabato, 20 gennaio 2018

Riforma delle “pensioni” dei parlamentari: la Camera approva il ddl Richetti, Forza Italia: “E’ incostituzionale”

Il pericolo secondo gli azzurri è che il provvedimento risulti lesivo dei diritti degli italiani perché applicabile per analogia anche a 20 milioni di pensioni facenti capo ai cittadini 

27 luglio 2017 | La Sentinella | Reply More

Approvato alla Camera il ddl Richetti che applica il metodo contributivo ai vitalizi degli ex parlamentari.

Hanno votato a favore 348 deputati, 17 contrari, 28 astenuti.

Il provvedimento sarà ora sottoposto al Senato.

Permangono, in ogni caso, i dubbi circa la costituzionalità del provvedimento specie da parte di Forza Italia.

I berlusconiani sono rimasti in Aula ma non hanno partecipato al voto.

Il pericolo secondo gli azzurri è che il provvedimento risulti lesivo dei diritti degli italiani perché applicabile per analogia anche a 20 milioni di pensioni facenti capo ai cittadini. 

“In quest’Aula – ha affermato il forzista Simone Baldini in sede di dichiarazione di voto – non c’è Matteo Renzi che insegue Grillo sull’antipolitica. Non c’è Grillo. Non c’è Berlusconi e non c’è Salvini. E’ un problema grosso per questo Parlamento che passa come un luogo dove le scelte politiche vengono ratificate e non fatte”.

Baldelli ha definito il ddl Richetti una legge scritta “male, con i piedi. Siamo alla beffa di fare una operazione di propaganda. Se si sa che una cosa è incostituzionale e sarà abolita non la si faccia: si eviti di prendere in giro i cittadini raccontando balle. Questa legge ve la votate voi”.

Tuttavia è bene precisare che a tutt’oggi appare ancora controversa la natura di questi istituti la cui origine secondo taluni costituzionalisti sarebbe da ricondurre alla stregua di semplici elargizioni, assimilate soltanto col tempo a pensioni.

Tesi fatta proprio anche da Ettore Rosato, capogruppo dei demcratici alla Camera,  nel suo intervento in Aula durante le dichiarazioni di voto: “Il vitalizio non è una pensione, è un’altra cosa. Ce l’hanno detto nelle audizioni i costituzionalisti. Ci hanno detto: potete farlo. Noi non vogliamo toccare alcuna pensione, vogliamo occuparci solo dei vitalizi e lo facciamo con uno strumento adeguato”.



Attualità

In corte di Appello per riformare una sentenza di assoluzione emessa in primo grado occorre
La notifica di una copia incompleta dell’atto introduttivo del giudizio è idonea a determinare la
Se il Giudice ritiene utile ai fini della risoluzione di una controversia avvalersi del parere
Le spese generali, pari al 15% del compenso dell’avvocato, spettano di diritto. E’ quanto stabilito
Le nuove costruzioni sono tali in base al loro uso e non alle caratteristiche costruttive.

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.