mercoledì, 17 ottobre 2018

Polizza infortuni avvocati. Il Ministro Orlando fa sua la proposta del CFN di abolire l’obbligatorietà

Attualmente l’obbligatorietà della stipula dell’assicurazione è prevista dal comma II dell’articolo 12 della Legge Professionale

2 novembre 2017 | La Sentinella | Reply More

Rendere facoltativa la polizza a copertura degli infortuni derivanti a sé e ai propri collaboratori in conseguenza dell’attività svolta nell’esercizio della professione anche fuori dei locali dello studio legale, anche in qualità di sostituto o di collaboratore esterno occasionale.

E’ la proposta lanciata dal Consiglio Nazionale Forense e fatta propria dal Ministro della Giustizia Andrea Orlando che ha trasmesso l’indicazione all’Ufficio legislativo del Ministero, affinché provveda a formulare un corrispondente progetto di modifica.

Attualmente l’obbligatorietà della stipula dell’assicurazione è prevista dal comma II dell’articolo 12 “Assicurazione per la responsabilità civile e assicurazione contro gli infortuni” della Legge Professionale del 2012 che prevede esplicitamente sulla garanzia infortuni:

“All’Avvocato, all’associazione o alla società tra professionisti è fatto obbligo di stipulare, anche per il tramite delle associazioni e degli enti previdenziali forensi, apposita polizza a copertura degli infortuni derivanti a sé e ai propri collaboratori, dipendenti e praticanti in conseguenza dell’attività svolta nell’esercizio della professione anche fuori dei locali dello studio legale, anche in qualità di sostituto o di collaboratore esterno occasionale”.



Attualità

E’ entrato in vigore lo scorso 14 luglio ma fin dal suo esordio il cosiddetto
Addio all’atto di citazione. E’ questa la riforma del processo civile annunciata per l’autunno dal
In caso di condanna ex art. 2087 c.c. è diritto del datore di lavoro rivalersi
Saranno obbligatori dal 31 marzo i corsi di formazione per l’accesso alla professione forense. E’

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.