venerdì, 18 agosto 2017

Napoli. ‘I Have a Dream 3: Una giornata con le scuole contro i razzismi’

La manifestazione si svolgerà martedì prossimo al cinema Astra

13 marzo 2015 | La Sentinella | Reply More

programmaNapoli. I Have a Dream è il monito che da Martin Luther King in poi ha contraddistinto la libertà. Le stesse parole sono prese in prestito come slogan per presentare una giornata all’insegna della condivisione contro tutti i razzismi, promuovendo la cultura dell’inclusione e dell’integrazione nelle scuole.

I Have a Dream, che si terrà martedì 17 marzo al cinema Astra di Napoli, è giunta alla sua terza edizione e si inserisce nell’ambito della XI settimana d’azione contro il razzismo, organizzata dall’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali del Dipartimento per le pari opportunità in collaborazione con Anci e Miur, dal Comitato Arcigay Antinoo di Napoli insieme al Centro Sinapsi della Federico II, dalla Fondazione Genere Identità Cultura con il supporto della Regione Campania e del Comune di Napoli.

Durante la mattinata saranno proiettati documentari della rassegna internazionale di cinema sociale ArTelesia Film Festival e si darà voce alle testimonianze dei ragazzi dello Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) e di altre associazioni che si occupano di accoglienza migranti.

Saranno presenti: Peppe Lanzetta, i coreografi Luc Bouy e Gaetano Petrosino, lo scrittore e sceneggiatore Maurizio Braucci, la rocker napoletana Claudia Megrè, l’attrice Giulia Musciacco.

“La realizzazione di I Have a Dream – dichiara il presidente di Arcigay Napoli Antonello Sannino – nasce dall’esigenza di creare un evento in grado di esprimere il più categorico dei rifiuti verso qualsiasi forma di razzismo e discriminazione. Sono convinto che l’omofobia, la transfobia, la misoginia, la xenofobia e qualsiasi altra forma di razzismo, abbiano la stessa medesima matrice nell’ignoranza, nell’egoismo e nella superficialità. Per questo motivo, d’altronde, il comitato provinciale  Arcigay Antinoo di Napoli ha creato da qualche mese  MigrAntinoo, sportello che sostiene il Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, dedicandosi specificamente ai migranti lgbt che chiedono asilo”.

“Il coinvolgimento diretto degli studenti delle Scuole Superiori – conclude Claudio Finelli, delegato cultura di Arcigay Napoli – è senza dubbio l’elemento più interessante di questo progetto perché è proprio sulle giovani generazioni che bisogna concentrare gli sforzi maggiori per costruire un futuro migliore per l’intera società, soprattutto in momenti, come quello attuale, in cui sembrano riemergere odiosi pregiudizi razzisti, perfino fra nord e sud del Paese. Gli studenti, chiamati a interagire in maniera diretta con gli ospiti, potranno invece cogliere in modo concreto e spontaneo il valore della scrittura, della musica, del teatro e dello spettacolo come linguaggi universali per scardinare qualsiasi discriminazione e stigma”.



Senza categoria

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.