mercoledì, 20 settembre 2017

Lettura del contatore energia elettrica: tutti gli oneri del distributore

8 marzo 2017 | La Sentinella | Reply More

Almeno un tentativo di lettura una volta ogni quattro mesi per i clienti con potenza disponibile non superiore a 16,5 kW.

E’ questo il dovere di rilevazione dei consumi gravante in capo al distributore di energia elettrica.

L’obbligo altresì sale ad almeno una volta al mese per i clienti con potenza disponibile superiore a 16,5 kW.  

E’ quanto stabilito dal “Testo integrato delle disposizioni dell’autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico per la regolazione dell’attività di misura elettrica”

Al riguardo è bene precisare che trattasi di un tentativo e non di una lettura certamente effettuata.

Il caso tipico concerne i contatori che sono posti all’interno delle proprietà private, come tali, quindi irraggiungibili dal letturista in caso di assenza dei proprietari.  

Al riguardo i regolamenti prevedono l’obbligo in capo alla società di distribuzione di procedere ad altri tentativi di letture in fasce orarie diverse.

In caso di contatore elettronico già attivato invece il distributore è tenuto ad effettuare la rilevazione mensile delle misure di energia elettrica includendo, ove consentito dal misuratore, i dati di potenza attiva massima mensile prelevata ogni quarto d’ora.

Da quanto sin qui detto è facile dedurre quindi come,  in tutti i casi in cui il distributore non abbia rispettato gli obblighi di rilevamento secondo la tempistica stabilità, il soggetto fornitore, chi materialmente emette la fattura, non potrà esigere il pagamento del consumo effettuato di energia elettrica.  

Hai problemi con le fatture di Gas ed Energia Elettrica? Clicca qui



DIRITTO CIVILE, Energia

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.