lunedì, 20 novembre 2017

Lavoro. La Corte Europea dei diritti umani dice no ai controlli sull’uso del pc aziendale: “Viola la privacy del lavoratore”

E’ questo il principio sancito dalla Corte europea dei diritti umani (Application n. 61496/08).

6 settembre 2017 | La Sentinella | Reply More

La privacy del lavoratore va sempre e comunque tutelata, specie sotto il profilo dell’informazione preventiva concernente l’uso dei controlli.

E’ questo il principio sancito dalla Corte europea dei diritti umani (Application n. 61496/08), intervenuta su una faccenda che aveva condotto al licenziamento di un lavoratore romeno che usava internet per fini personali durante le ore di lavoro.

Il caso è nato dalla vicenda di un dipendente di un’azienda che, sebbene autorizzato dal proprio datore di lavoro a creare un account yahoo aziendale per il servizio clienti, era stato poi sorpreso a fare uso personale del medesimo e quindi licenziato.

In Romania i giudici, a seguito del ricorso presentato dal lavoratore che lamentava la violazione della propria privacy, gli avevano dato torto e nel 2008 il lavoratore aveva portato la questione alla Corte europea dei diritti dell’uomo, che a sua volta, il 12 gennaio 2016, aveva dato ragione al datore di lavoro.

I giudici in quella sede avevano rilevato in particolare che se la privatezza della sua vita e della sua corrispondenza erano state violate tuttavia il suo datore di lavoro, nel controllo, era stato ragionevole, motivando il procedimento disciplinare.

La questione è andata avanti sino alla sentenza della Grande Sezione della Corte, che ha altresì sancito la violazione della privacy del lavoratore da parte del datore di lavoro.



DIRITTO DEL LAVORO

[caption id="attachment_15654" align="alignleft" width="300"] Totò Riina[/caption] “E’ morto il maestro ma la musica esiste” non
I possessori di contrassegno invalidi di cui all’art. 12 d.P.R./96 hanno diritto a transitare all’interno
Un piano in sette punti e 300 milioni di risorse, è questa la proposta del
Giunti alla fine della creazione della busta telematica su SLpct al fine del deposito di
Un autovelox in grado di rilevare qualsiasi tipo di infrazione di chi è alla guida.

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.