mercoledì, 17 ottobre 2018

“La Mafia se sienta a la mesa” viola l’ordine pubblico: bocciato il ricorso della società proprietaria del marchio

E’ questo il verdetto espresso dal Tribunale Ue - sentenza nella causa T-1/17

16 marzo 2018 | La Sentinella | Reply More

Il marchio “La Mafia se sienta a la mesa” (si siede a tavola) è contrario all’ordine pubblico.

E’ questo il verdetto espresso dal Tribunale Ue – sentenza nella causa T-1/17, La Mafia Franchises, Sl/Euipo concernente la dichiarazione di nullità della registrazione di tale marchio come marchio dell’Unione europea.

La registrazione del marchio dapprima di proprietà della società spagnola La Honorable Hermandad e poi de La Mafia Franchises, risale al 2006.

Nel 2015 l’Italia ha depositato presso l’Euipo una domanda volta a far dichiarare nullo tale marchio sostenendo che esso era contrario all’ordine pubblico e al buon costume.

Le rimostranze del Bel Paese furono accolte.

l’Euipo considerò, da un lato, che il marchio “La Mafia se sienta a la mesa” promuoveva palesemente l’organizzazione criminale conosciuta con il nome di mafia e, dall’altro, che l’insieme degli elementi verbali di tale marchio trasmetteva un messaggio di convivialità e banalizzazione dell’elemento verbale “mafia”, deformando così la serietà veicolata dallo stesso.

La Mafia Franchises non condividendo la pronuncia di primo grado ha adito il Tribunale dell’Unione europea per chiederne l’annullamento.

I giudici a loro volta hanno respinto il ricorso de La Mafia Franchises e confermato la decisione dell’Euipo.



Attualità

E’ entrato in vigore lo scorso 14 luglio ma fin dal suo esordio il cosiddetto
Addio all’atto di citazione. E’ questa la riforma del processo civile annunciata per l’autunno dal
In caso di condanna ex art. 2087 c.c. è diritto del datore di lavoro rivalersi
Saranno obbligatori dal 31 marzo i corsi di formazione per l’accesso alla professione forense. E’
Continuare a mantenere alta l’attenzione sullo scorrimento totale della graduatoria del concorso per Assistenti giudiziari

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.