mercoledì, 20 novembre 2019

Insultare lo Stato su facebook integra il reato di vilipendio

27 Agosto 2019 | La Sentinella | Reply More

La pubblicazione di una foto di una nave italiana in aggiunta a frasi offensive per l’Italia integra il reato di vilipendio ai danni dello Stato.

E’ quanto sancito dalla Corte di Cassazione mediante la Sentenza n 35988/19.

Nella vicenda specifica i Giudici Supremi hanno respinto il ricorso presentato dall’imputato, un militare, il quale, nel precedente grado di giudizio era risultato colpevole per aver pubblicato sul proprio profilo Facebook la foto di una nave da guerra e la scritta “Fincantieri: collaborazione con l’India per sette fregate Stealth Imola Oggi”, aggiungendo poi una frase offensiva per l’Italia, indicata come “uno Stato di merda.”

Tale condotta per gli Ermellini ha configurato il reato di vilipendio della Repubblica, delle istituzioni costituzionali e delle forze armate.

Quest’ultimo, ha avuto modo di chiarire la Corte, consiste “Nel disprezzare, tenere a vile, ricusare qualsiasi valore etico, sociale o politico alle istituzioni predette, considerate nella loro entità astratta ovvero concreta, ossia nella loro essenza ideale oppure quali enti concretamente operanti”.

Nessun presupposto per l’applicazione nella fattispecie specifica dell’esimente del diritto di critica.

Esso, infatti, “supera il suo limite giuridico costituito dal rispetto del prestigio delle istituzioni repubblicane e decampa, quindi, nell’abuso del diritto, cioè nel fatto reato costituente il delitto di vilipendio, allorché la critica trascenda nel gratuito oltraggio, fine a se stesso”.

A nulla è valsa neppure la difesa dell’imputato che pure aveva cercato di attenuare le proprie responsabilità affermando che il termine Stato da lui utilizzato non era riconducibile alle istituzioni ma alla comunità astratta di persone, dunque, come tale, non riconducibile al reato di cui all’art. 82 del cod. pen. mil. sul vilipendio della Nazione Italiana.

“Il commento – per i Giudici, infatti, riguardava – un articolo sui rapporti commerciali tra l’Italia e l’India, quindi non può essere riferito alla Nazione, ossia alla comunità di individui, ma allo Stato, cioè al soggetto inquadrabile e riconoscibile proprio in quegli organi indicati dalla lettera dell’art. 81 cod. pen. mil. pace, quali, ad esempio, il Governo e le Assemblee legislative.”



DIRITTO PENALE

In caso di opposizione a cartella esattoriale concernente la mancata notifica del verbale di contestazione
Addio all’atto di citazione. E’ questa la riforma del processo civile annunciata per l’autunno dal
In caso di condanna ex art. 2087 c.c. è diritto del datore di lavoro rivalersi
Saranno obbligatori dal 31 marzo i corsi di formazione per l’accesso alla professione forense. E’

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.