venerdì, 21 settembre 2018

Il ministro Orlando firma il decreto: assunti 1.420 assistenti giudiziari, il CIAG: “Non ci adagiamo”

Grazie alla firma del guardiasigilli si arriverà ad attingere dalla graduatoria del concorso sino a 2.820 posizioni

1 febbraio 2018 | La Sentinella | Reply More

Alcuni dei membri del comitato idonei assistenti giudiziari

Firmato il decreto con cui il Ministro della Giustizia Andrea Orlando destina 1.520 risorse di personale amministrativo non dirigenziale per l’amministrazione giudiziaria di cui 1.420 per il profilo di assistente giudiziario e 100 per il profilo di funzionario giudiziario.

Grazie alla firma del guardiasigilli si arriverà ad attingere dalla graduatoria del concorso sino a 2.820 posizioni.

Un ulteriore passo avanti nel programma di assunzioni voluto dal ministrio, che ha reperito risorse, dall’inizio del suo mandato, per circa 5.400 unità di personale, che stanno prendendo posto negli uffici.

Grande soddisfazione da parte del comitato idonei assistenti giudiziari.

“Dopo 20 anni dall’ultima procedura selettiva per il nostro profilo – si legge in una nota – è stato reso possibile il reclutamento di nuovo personale. Ci riferiamo a quelle risorse che sono state definite dal personale interno come “’una ventata di aria fresca’”

Una lotta quella del comitato che però non si ferma qui.

“Ottenuto questo risultato significativo, andremo avanti nella nostra battaglia per lo scorrimento totale della graduatoria. Quanto realizzato finora ci dà ancora più carica per affrontare le sfide future”.

Da domani però si apre una nuova fase di incontri con istituzioni politiche e sindacali per tenere sempre alta l’attenzione sulla nostra graduatoria.

“Non ci adagiamo, anzi, ora mettiamo la quinta, essendo sempre più proiettati verso il vero obiettivo: la presa di servizio del 4915”.



Attualità

E’ entrato in vigore lo scorso 14 luglio ma fin dal suo esordio il cosiddetto
Addio all’atto di citazione. E’ questa la riforma del processo civile annunciata per l’autunno dal
In caso di condanna ex art. 2087 c.c. è diritto del datore di lavoro rivalersi
Saranno obbligatori dal 31 marzo i corsi di formazione per l’accesso alla professione forense. E’

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.