venerdì, 27 novembre 2020

Il governo investe oltre un miliardo di euro in contratti di sviluppo, Renzi: “Guideremo la ripresa economica”

Le cifre in dettaglio comprendono 24 progetti per 25 mila posti di lavoro; di questi l'80% nelle regioni del Sud

22 Luglio 2014 | La Sentinella | Reply More
La Sentinella

Matteo Renzi

Investimenti per 1,4 mld, 24 contratti di sviluppo idonei a creare o salvaguardare 25mila posti di lavoro. Sono numeri importanti quelli annunciati dal presidente del consiglio Matteo Renzi e contenuti nel pacchetto di contratti siglato a Palazzo Chigi insieme al ministro dello Sviluppo, Federica Guidi, e al sottosegretario alla presidenza, Graziano Delrio. «Il governo – dice Renzi – prova a dare un messaggio concreto di investimento sul paese a partire dalla politica industriale»

Le cifre in dettaglio parlano di 24 progetti, quasi un miliardo e mezzo di investimenti, 25 mila posti di lavoro, l’80% nelle regioni del Sud, «34 milioni di euro in Campania».

I contratti siglati oggi, per il 44% si riferiscono a controllate da gruppi esteri: per Renzi «si tratta di un elemento molto significativo di apertura. Qualche giorno fa ho sentito alcuni commentatori lamentarsi perché un’importante azienda è stata acquisita da un grande gruppo internazionale, che peraltro è qui: sono gli stessi che lamentavano la scarsità di investimenti stranieri in Italia».

Ottimismo a iosa anche per ciò che concerne il rilancio dell’occupazione.

«La politica si gioca la sua credibilità. Alla fine dei mille giorni l’Italia sarà nelle condizioni di guidare la ripresa economica e non di essere il fanalino di coda»

Nessun problema neppure nel travagliato iter delle riforme.

«Il governo è impegnato a testa alta e viso aperto per realizzare gli impegni che ci siamo dati. Le immagini di chi vuole bloccare, fermare, ostruire il cammino delle riforme in Italia sono le immagini di chi pensa che si possa andare avanti così. “Per cambiare l’Italia – conclude – bisogna fare le riforme e le faremo».



Attualità

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.