giovedì, 13 dicembre 2018

Firma digitale: tutto quello che c’è da sapere

Essa attribuisce al documento informatico la stessa efficacia probatoria della scrittura privata ex 2702 cc

11 Dic 2017 | La Sentinella | Reply More

Ogni documento informatico può essere firmato digitalmente per mezzo della cosiddetta firma digitale.

Essa rappresenta una sottoscrizione di tipo elettronico basata su un certificato digitale e su un sistema di chiavi crittografiche (una pubblica e una privata) correlate tra loro, che consente al titolare tramite la chiave privata e al destinatario tramite la chiave pubblica, rispettivamente, di rendere manifesta e di verificare la provenienza e l’integrità di un documento informatico o di un insieme di documenti informatici indipendentemente dal tipo di supporto fisico sul quale è memorizzato.

La firma digitale attribuisce al documento informatico così sottoscritto:

– la stessa efficacia probatoria della scrittura privata ex 2702 cc

– i requisiti di forma ad probationemad substantiam richiesti dalla Legge.

Entrambi i suddetti effetti giuridici sono subordinati al fatto che

– il dispositivo di firma adoperato abbia “un certificato qualificato che, al momento della sottoscrizione, non risulti scaduto di validità ovvero non risulti revocato o sospeso”;

– il documento informatico sottoscritto sia privo di “macroistruzioni o codici eseguibili, tali da attivare funzionalità che possano modificare gli atti, i fatti o i dati nello stesso rappresentati”.

Due sono i formati disponibili: CAdES e PAdES.

La firma Cades (acronimo di CMS Advanced Electronic Signatures) è un particolare tipo di firma digitale.

Essa aggiunge al file così sottoscritto l’estensione “.p7m”  (ad es. [nomefile].pdf.p7m), che rappresenta la c.d. “busta crittografica”  giacché al suo interno contiene appunto il documento originale, l’evidenza informatica della firma e la chiave per la verifica della stessa .

La firma Pades (acronimo di PDF Advanced Electronic Signatures) è un particolare tipo di firma digitale, che, dal 15/5/2014, è tra i tipi di firma digitale ammesse nel PCT.

Il tipo di firma digitale PAdES consente di firmare solo file in formato pdf ai quali non aggiunge alcuna estensione (che pertanto rimangono “.pdf”: ad es., [nomefile].pdf), così restando leggibili con i comuni reader disponibili per questo formato.

Anche il file PAdES è un “contenitore” (al cui interno si trova il documento sottoscritto digitalmente e la relativa firma digitale), sicché, al pari del file Cades, può pertanto definirsi “busta crittografica”.



Guide, Processo Civile Telematico

E’ entrato in vigore lo scorso 14 luglio ma fin dal suo esordio il cosiddetto
Addio all’atto di citazione. E’ questa la riforma del processo civile annunciata per l’autunno dal
In caso di condanna ex art. 2087 c.c. è diritto del datore di lavoro rivalersi
Saranno obbligatori dal 31 marzo i corsi di formazione per l’accesso alla professione forense. E’

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.