mercoledì, 17 ottobre 2018

Esercizio abusivo della professione: in caso di condanna prevista la confisca dei beni

E’ quanto previsto dall’art. 348 c.p. così come riformato dalla legge Lorenzin

13 gennaio 2018 | La Sentinella | Reply More

La pena della reclusione da sei mesi a tre anni e la multa da 10mila a 50mila euro per chi esercita abusivamente una professione per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato.

E’ quanto previsto dall’art. 348 c.p. così come riformato dalla legge Lorenzin approvata dal Senato il 27.12.17 sebbene si è ancora in attesa dei decreti attuativi.

Alla condanna conseguono poi anche la pubblicazione della sentenza e la confisca delle cose che servirono o furono destinate a commettere il reato.

Se, poi, il reo esercita regolarmente una professione o un’attività, è prevista la trasmissione della sentenza di condanna al competente ordine, albo o registro, che applicherà l’interdizione da uno a tre anni dalla professione o dall’attività regolarmente esercitata.

Conseguenze anche per chi ha aiutato il reo.

Chi ha determinato altri a esercitare una professione in maniera abusiva e chi ha diretto l’attività delle persone che sono concorse nel reato, è soggetto, alla reclusione da uno a cinque anni e a una multa da 15mila a 75mila euro.

L’articolo si applica anche a chi esercita l’attività di mediazione in assenza di iscrizione nell’apposito ruolo ed è già stato sanzionato amministrativamente in forza di quanto previsto dall’articolo 8 della legge numero 39/1989.

Prima della riforma, per la rilevanza penale della condotta era necessario essere incorsi nella sanzione amministrativa almeno tre volte, mentre oggi è sufficiente una sola reiterazione.

Ora è prevista, poi, una specifica destinazione per i beni immobili confiscati in quanto utilizzati per la commissione del reato di esercizio abusivo della professione.

In caso di condanna o di applicazione della pena su richiesta delle parti, in particolare, tali beni sono trasferiti al patrimonio del Comune ove sono siti, per essere poi destinati a finalità sociali e assistenziali.



DIRITTO PENALE

E’ entrato in vigore lo scorso 14 luglio ma fin dal suo esordio il cosiddetto
Addio all’atto di citazione. E’ questa la riforma del processo civile annunciata per l’autunno dal
In caso di condanna ex art. 2087 c.c. è diritto del datore di lavoro rivalersi
Saranno obbligatori dal 31 marzo i corsi di formazione per l’accesso alla professione forense. E’

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.