lunedì, 20 novembre 2017

Economia. Calano i fallimenti delle imprese: – 22% rispetto al 2014

A rivelarlo è l’Analisi dei Fallimenti in Italia aggiornata a fine giugno di Cribis, società del Gruppo Crif specializzata nella business information

28 luglio 2017 | La Sentinella | Reply More

Sono sempre meno le imprese che dichiarano fallimento.

A rivelarlo è l’Analisi dei Fallimenti in Italia aggiornata a fine giugno di Cribis, società del Gruppo Crif specializzata nella business information, che ha indagato la situazione dei fallimenti delle imprese italiane nel corso del 2017.

Secondo quanto riportato dal report nel secondo trimestre del 2017 sono state 3.190 le aziende che hanno portato i libri in tribunale (facendo così salire a 6.188 il numero nei primi sei mesi dell’anno).

Una cifra che, dopo il picco raggiunto nel 2014 quando i fallimenti erano stati 15.336 (4.190 nel secondo trimestre), è calata costantemente anno su anno.

Rispetto al 2016, infatti, le imprese fallite sono diminuite del 15,7%, del 17,8% se si fa il confronto con il 2015, e addirittura del 22,2% se si guarda alla situazione del 2014.

Segnali incoraggianti ma quantunque critici se si considera il 2009 quando gli effetti della crisi economica non erano ancora così evidenti, è piuttosto critico: rispetto a otto anni fa, quando i fallimenti nel secondo trimestre erano stati solo 2.393, le imprese fallite sono aumentate del 34,7%.



Attualità

[caption id="attachment_15654" align="alignleft" width="300"] Totò Riina[/caption] “E’ morto il maestro ma la musica esiste” non
I possessori di contrassegno invalidi di cui all’art. 12 d.P.R./96 hanno diritto a transitare all’interno
Un piano in sette punti e 300 milioni di risorse, è questa la proposta del
Giunti alla fine della creazione della busta telematica su SLpct al fine del deposito di
Un autovelox in grado di rilevare qualsiasi tipo di infrazione di chi è alla guida.

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.