venerdì, 21 settembre 2018

Corte di Cassazione. L’esposizione del tagliando invalidi non consente il parcheggio dell’auto in doppia fila

E’ quanto sancito dalla Corte di Cassazione con ordinanza n 26396/17

9 gennaio 2018 | La Sentinella | Reply More

La sola esposizione del contrassegno invalidi non prova che il veicolo al momento dell’accertamento è adibito al trasporto del titolare del contrassegno.

E’ quanto sancito dalla Corte di Cassazione con ordinanza n 26396/17 che ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato da un soggetto multato perché aveva parcheggiato l’auto, munita di contrassegno di invalidità, in doppia fila.

Il Tribunale aveva rigettato l’opposizione al verbale di accertamento della violazione ex art. 158 C.d.S.

I Supremi Giudici hanno sposato la tesi del Tribunale rilevando la correttezza della ratio sottesa alla sentenza impugnata.

Il veicolo non sarebbe potuto essere esonerato dall’osservanza dei divieti imposti dalla norma richiamata nonostante fosse munito del permesso invalidi intestato al padre dell’opponente.

Quest’ultimo, infatti, non aveva dimostrato che al momento dell’accertata infrazione l’auto fosse davvero adibita al trasporto del titolare del permesso.



Codice della Strada

E’ entrato in vigore lo scorso 14 luglio ma fin dal suo esordio il cosiddetto
Addio all’atto di citazione. E’ questa la riforma del processo civile annunciata per l’autunno dal
In caso di condanna ex art. 2087 c.c. è diritto del datore di lavoro rivalersi
Saranno obbligatori dal 31 marzo i corsi di formazione per l’accesso alla professione forense. E’

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.