venerdì, 25 maggio 2018

Il caso dei genitori nonni. Il Pg della Cassazione: “Restituite la bimba alla coppia”

Il fatto che la piccola "sia stata adottata – ha spiegato il magistrato -  non può ottenere tutela perché si tratta di una situazione la cui genesi non è legale

1 dicembre 2017 | La Sentinella | Reply More

Luigi Deambrosis e Gabriella Carsano

“Restituitela ai genitori biologici”.

E’ questa la richiesta avanzata dal Pg della Corte di Cassazione Francesca Ceriani dopo che i genitori Gabriella Carsano, oggi di 57 anni, e il marito Luigi Deambrosis, di 69, erano stati considerati inadatti in quanto anziani dopo essere stati accusati ingiustamente di averla abbandonata in macchina per quattro minuti.

Il fatto che la bimba “sia stata adottata – ha spiegato il magistrato –  non può ottenere tutela perché si tratta di una situazione la cui genesi non è legale. 

“La Procura generale – spiega il legale della coppia Boscagli – ha accolto favorevolmente la nostra tesi, siamo convinti che la bambina debba essere restituita ai genitori naturali, nei confronti dei quali non è emerso alcun elemento sfavorevole. Crediamo sia giunta l’ora che si metta fine al calvario della bimba, che ha trascorso i suoi primi anni tra comunità e genitori adottivi. I miei assistiti oggi erano emozionati e coraggiosi, hanno grande fiducia nella giustizia”.

La vicenda dei genitori-nonni di Mirabello Monferrato, nell’Alessandrino, ai quali poco dopo la nascita era stata tolta la figlioletta che oggi ha 7 anni, si è trascinata a lungo tra udienze e pronunciamenti anche contrastanti.

Nel giugno 2016 la Cassazione aveva cancellato sia la sentenza della Corte d’appello del 2013, che si era pronunciata per l’adottabilità, sia la successiva decisione della Cassazione, che aveva confermato l’orientamento. Lo scorso marzo la Corte d’appello di Torino ha invece confermato l’adottabilità della bambina, allontanata dai genitori naturali in seguito a una denuncia per presunto abbandono, poi conclusa con l’assoluzione del padre.



Attualità

In caso di condanna ex art. 2087 c.c. è diritto del datore di lavoro rivalersi
Saranno obbligatori dal 31 marzo i corsi di formazione per l’accesso alla professione forense. E’
Continuare a mantenere alta l’attenzione sullo scorrimento totale della graduatoria del concorso per Assistenti giudiziari
Rubare cibo, anche di modesto valore economico, è reato. E’ quanto sancito dalla Corte di

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.