sabato, 21 luglio 2018

Bollette di energia e gas emesse in ritardo? L’utente ha diritto a ricevere un indennizzo

A prevederlo è l’art. 4 allegato A del Tif

9 giugno 2017 | La Sentinella | Reply More

Quarantacinque giorni di tempo dall’ultimo giorno di consumo addebitato.

E’ questo il limite massimo consentito dai regolamenti per l’invio delle fatture di energia elettrica e di gas.

A prevederlo è l’art. 4 allegato A del Testo Integrato delle disposizioni dell’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico in materia fatturazione del servizio di vendita al dettaglio per clienti di energia elettrica e di gas naturale (Tif).

La norma sancisce anche uno specifico obbligo in capo agli operatori di emettere per tempo la fatturazione consentendo quindi al consumatore di poter scaglionare per tempo i pagamenti.

Previste regole anche per ciò che concerne la cosiddetta Fatturazione di chiusura che si ha allorquando il cliente cessi il contratto per passaggio ad altro operatore o semplicemente per dismissione dell’utenza.

In questo caso la fattura di chiusura secondo il disposto dell’art. 11 deve essere recapitata entro 6 settimane dalla cessazione del contratto.

Non mancano gli indennizzi in caso di mancato rispetto dei termini di cui sopra.

Essi, in base all’art. 16, variano dai 6 ai 60 euro.

Hai subito un disservizio con operatori di energia elettrica o gas? Clicca qui



Energia

E’ entrato in vigore lo scorso 14 luglio ma fin dal suo esordio il cosiddetto
Addio all’atto di citazione. E’ questa la riforma del processo civile annunciata per l’autunno dal
In caso di condanna ex art. 2087 c.c. è diritto del datore di lavoro rivalersi
Saranno obbligatori dal 31 marzo i corsi di formazione per l’accesso alla professione forense. E’

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.