lunedì, 20 novembre 2017

Banche. Il consumatore ha diritto a essere indennizzato in caso di ritardo nella portabilità del conto corrente

E’ quanto previsto dal Testo Unico Bancario (TUB) così come integrato lo scorso 13 giugno dal Decreto legislativo 15 marzo 2017 n. 37

12 luglio 2017 | La Sentinella | Reply More

Dodici giorni lavorativi, è questo il lasso di tempo massimo entro cui deve essere assicurata la portabilità del conto corrente in maniera del tutto gratuita.

E’ quanto previsto dal Testo Unico Bancario (TUB) così come integrato lo scorso 13 giugno dal Decreto legislativo 15 marzo 2017 n. 37

La portabilità del conto corrente è il diritto del consumatore a trasferire i servizi di pagamento e il saldo su un altro conto.

Previsti indennizzi in caso di ritardo.

Ammonta a 40 euro, maggiorato per ciascun giorno di ritardo più un ulteriore  importo commisurato alla disponibilità esistente sul conto di pagamento.

Quest’ultimo importo si calcola applicando alla giacenza media del conto corrente un tasso annuo pari a quello in assoluto più elevato del limite stabilito per l’usura.

Al riguardo la Banca d’Italia pubblica una tabella che riporta per i diversi tipi di finanziamento i tassi effettivi globali medi e i cosiddetti “tassi soglia”, ossia quelli che indicano il rischio usura.

Riferendoci al periodo che va dal 1° Aprile 2017 fino al 30 Giugno 2017, il tasso in assoluto più elevato è pari al 24,30%.

Addirittura nel caso in cui il consumatore, causa il ritardo nel trasferimento conto corrente, dovesse subire oneri aggiuntivi, come quelli derivanti ad esempio dal mancato pagamento della rata di mutuo o delle bollette o dalla mancata copertura della carta di credito, la banca potrà essere chiamata a corrispondere un ulteriore risarcimento.

La legge prevede che questa somma sia corrisposta al consumatore senza indugio e senza che sia necessaria la costituzione in mora.  

“Il trasferimento dei servizi di pagamento – spiega Banca d’Italia – rappresenta un elemento importante della complessa disciplina di tutela dei consumatori utenti di servizi bancari. Il diritto al trasferimento, la certezza dei tempi necessari per completare l’operazione nonché l’assenza di spese per il servizio rappresentano infatti il complemento necessario delle norme volte ad assicurare la comparabilità tra le diverse offerte presenti sul mercato. Tali norme garantiscono effettività al diritto di scelta del consumatore e favoriscono la competizione sul mercato per l’offerta di prodotti più convenienti per la clientela”.

Ritieni di essere stato danneggiato da una banca? Clicca qui



DIRITTO CIVILE

[caption id="attachment_15654" align="alignleft" width="300"] Totò Riina[/caption] “E’ morto il maestro ma la musica esiste” non
I possessori di contrassegno invalidi di cui all’art. 12 d.P.R./96 hanno diritto a transitare all’interno
Un piano in sette punti e 300 milioni di risorse, è questa la proposta del
Giunti alla fine della creazione della busta telematica su SLpct al fine del deposito di
Un autovelox in grado di rilevare qualsiasi tipo di infrazione di chi è alla guida.

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.