domenica, 18 novembre 2018

Assistenti giudiziari, al via l’assegnazione delle sedi per 1.024 idonei

La scelta da parte avverrà secondo l’ordine di graduatoria

12 marzo 2018 | La Sentinella | Reply More

Si terrà a partire da oggi e fino al 16 marzo la scelta delle sedi relative agli ulteriori 1.024 idonei del concorso a 800 posti di assistente giudiziario.

La scelta delle sedi avverrà presso la Scuola di formazione e aggiornamento del Corpo di polizia e del personale dell’Amministrazione penitenziaria “Giovanni Falcone – Roma, in Via di Brava 99.

“L’accesso alla scuola – fa sapere in una nota il Ministero – sarà consentito per la sessione mattutina dalle ore 8,30 e per quella pomeridiana dalle ore 14 ai soli candidati idonei, con esclusione degli eventuali accompagnatori, salvo ai candidati con disabilità documentata, ai quali sarà consentito l’accesso con il mezzo proprio, all’interno della scuola”.

La scelta delle sedi avverrà secondo l’ordine di graduatoria fatta salva la scelta prioritaria di coloro che possiedono e che hanno documentato i requisiti previsti dalla legge 5 febbraio 1992, n. 104, specificamente in relazione all’art. 21, co. 1, nonché all’art. 33 co. 6 della medesima legge, nell’ambito dell’elenco delle sedi rese disponibili dall’amministrazione. Nel corso della scelta della sede sarà sottoscritto anche il contratto individuale di lavoro.

Prevista anche la possibilità di delega.

In questo caso il candidato potrà farsi rappresentare da una persona munita di delega contenente i dati e la firma autografa del delegante, corredata dai documenti di identità del delegante e del delegato stesso, i dati del delegante e del delegato dovranno essere anticipati all’indirizzo di posta elettronica uff3concorsi.dgpersonale.dog@giustizia.it.

Coloro che si faranno rappresentare da un delegato, firmeranno il predetto contratto il giorno in cui assumeranno servizio presso la sede di servizio indicata dal delegato medesimo.

In caso di assenza dell’interessato, l’idoneo o il suo delegato l’Amministrazione assegnerà la sede di servizio secondo l’ordine di graduatoria sulle sedi rimaste disponibili, comunicandola all’interessato medesimo.

In questa ipotesi l’interessato firmerà il contratto il giorno in cui assumerà servizio presso la sede di servizio assegnata.

La mancata presa di servizio altresì da parte degli interessati determinerà il non darsi luogo alla stipula del contratto individuale di lavoro.



Attualità

E’ entrato in vigore lo scorso 14 luglio ma fin dal suo esordio il cosiddetto
Addio all’atto di citazione. E’ questa la riforma del processo civile annunciata per l’autunno dal
In caso di condanna ex art. 2087 c.c. è diritto del datore di lavoro rivalersi
Saranno obbligatori dal 31 marzo i corsi di formazione per l’accesso alla professione forense. E’

Lascia un commento

Devi essere loggato per lasciare un commento.